#FirmaPerLaCaccia

Sostieni le richieste dei cacciatori in Europa!

Il futuro della caccia in Europa è a rischio!

La caccia e la conservazione di uccelli e piccola selvaggina, il ripristino degli habitat, la gestione dei grandi carnivori, la cultura della caccia in Europa, la nostra motivazione a preservare l’ambiente, tutto quello che la caccia rappresenta in Europa è a rischio per colpa di alcune miopi politiche europee che vanno nella direzione sbagliata.

Firma ora per chiedere all’Europa di lavorare con i cacciatori e non contro!

FIRMA QUI PER SOSTENERE LA CAMPAGNA!

Attenzione: riceverai una email da FACEcommunication@face.eu – nella quale dovrai cliccare su “CONFIRM” per confermare la tua firma. Solo dopo l’avvenuta conferma la tua firma verrà registrata.

I tuoi dati rimarranno strettamente confidenziali e protetti. È possibile annullare l’iscrizione in qualsiasi momento tramite il link in fondo alle nostre e-mail. Inoltre, hai il diritto di modificare/cancellare i tuoi dati inviando un’email a info@face.eu.

Press Conference – European Hunters’ Campaign

WATCH THE LIVE STREAM!

Live on 26 October 2022 (11:00-13:00 CET) from the Press Club in Brussels.

Top representatives from major European hunting associations will come forward to exchange experience and broad perspectives on the essential role of hunters to nature, society, economy and how best to promote an open dialogue with the EU institutions in the future to successfully achieve these policy targets together.

LE NOSTRE RICHIESTE

“Bring back nature”

80% delle norme in materia di caccia e conservazione valide in Italia viene deciso a Bruxelles.

Vogliamo un'Europa dove la biodiversità sia una risorsa ricca e rigogliosa per tutti.

Chiediamo che le politiche sull’ambiente siano intese ad incentivare le attività di conservazione dei cacciatori, anche nelle aree protette.

Chiediamo norme europee sul ripristino della natura che siano efficaci nel preservare gli ecosistemi e habitat che ospitano la piccola selvaggina, con particolare riguardo per le aree umide e terreni coltivati.

Chiediamo un approccio alla caccia più obiettivo e basato su dati scientifici, in particolare in relazione alle pratiche venatorie regionali e tradizionali.

Chiediamo che le popolazioni di grandi carnivori siano elencate in base al loro effettivo stato di conservazione ai sensi della direttiva Habitat e sulla base di valutazioni scientifiche accurate.

Chiediamo che i cacciatori siano riconosciuti come parte della soluzione per la conservazione della natura e non come il problema.

Chiediamo che le norme che riguardano i cacciatori siano obiettive, giuste e comprensibili.

Chiediamo che il patrimonio culturale della caccia sia rispettato, essendo fondamentale per il futuro di un’Europa diversificata.

Chiediamo a Bruxelles di promuovere queste priorità a livello internazionale perché l’Unione europea ha una forte influenza sulla scena mondiale.

IL PROBLEMA

La natura in Europa versa in pessime condizioni, sebbene non ovunque. Dove e quando possono, i cacciatori si adoperano per garantire floride prospettive future, impegnandosi ogni giorno in attività di conservazione in tutt’Europa. Tuttavia, alcuni responsabili politici a Bruxelles agiscono contro la caccia, limitando inutilmente importanti pratiche venatorie.

In alcuni paesi vengono esercitate pressioni per sospendere la gestione dei grandi carnivori da parte dei cacciatori, malgrado abbiano svolto un ruolo essenziale per la ripresa delle popolazioni. La caccia viene addirittura presentata come una delle principali minacce per la natura, nonostante evidenti prove dicano chiaramente il contrario.

È stato messo a punto un programma attivo in tutt’Europa allo scopo di porre fine a gran parte delle pratiche venatorie. Alcuni responsabili politici hanno addirittura proposto di bandire la caccia (e la pesca) sul 10% del territorio dell’UE.

🇪🇺 L’azione di Brussels sulla caccia ha un forte impatto a livello nazionale.
👉 Ecco su cosa influisce in particolare:

La biodiversità nelle aree e terreni dedicati all'agricoltura.

Quali uccelli e quando li possiamo cacciare.

I metodi di caccia, specialmente quelli tradizionali.

Come gestire i grandi carnivori.

Quali armi e munizioni possiamo utilizzare.

Le attività di caccia regionali e locali.

Le norme in materia di agricoltura e ambiente che incidono sulle specie cacciabili.

Aiutaci a promuovere questa campagna in tutta Europa: fai una donazione!

Fai una donazione ora per sostenere la campagna dei cacciatori europei!

Nome titolare conto: Fédération des Associations de Chasse & Conservation de la Faune de l’UE, Rue Belliard 205 – B-1040 Bruxelles
IBAN: BE19 3630 4736 2312
SWIFT Code:  BBRUBEBB
Banca: ING – Cour Saint Michel 60 – B-1040 Bruxelles

Per favore specifica nella causale del pagamento:  “Campagna dei cacciatori europei”

Per ulteriori informazioni, non esitare a contattarci inviando un’email a communication@face.eu

GRAZIE!

COSA È FACE

FACE è la voce dei cacciatori di tutta Europa a Bruxelles

FACE è la Federazione Europea per la Caccia e la Conservazione e rappresenta a Bruxelles gli interessi dei 7 milioni di cacciatori europei dal 1977, anno della sua fondazione.

Vi fanno parte le maggiori associazioni e federazioni venatorie di 37 Paesi, compresa l’UE a 27. La FACE ha anche 7 membri associati.

La FACE conduce questa campagna di comunicazione per attirare l’attenzione dei legislatori europei sulle priorità che dovrebbero assumere le politiche europee in tema di caccia e conservazione della natura.

FACE – Rue Belliard 205 – 1040, Bruxelles
info@face.eu – www.face.eu